L'autopubblicazione - Nuove frontiere dell'editoria

| | Commenti (1) | TrackBack (0)

Dopo l'e-book e prima della digitalizzazione libraria di massa, un nuovo fenomeno rischia di mettere in crisi l'editoria tradizionale: la possibilità, per qualsiasi persona che abbia scritto un libro, di poterselo produrre sul piano grafico e strutturale, di farlo stampare nel numero di copie che preferisce e/o di metterlo in vendita online tramite un altro sito.

Leader italiano in questo settore è Wuz, portale di cultura letteraria e spettacolo che offre ai propri navigatori l'opportunità di autoprodursi un libro e di metterlo in vendita su IBS, Internet Boohshop, guadagnando percentuali sulla vendita e i proventi del diritto d'autore, il tutto a partire da 496 euro iva inclusa.

Viene da chiedersi se un buon autore, con un buon libro da presentare - quando per buono si intenda un prodotto librario che coniughi una buona qualità letteraria con un alto valore di mercato e una buona commerciabilità potenziale - e un buon agente editoriale possa avere bisogno di avvalersi di una opportunità di questo tipo.

C'è da dire che è difficile trovare autori che abbiano allo stesso tempo questi tre requisiti, ma è anche vero che questo strumento non è rivolto ad autori già affermati o dotati di agente e conoscitori del mercato librario: questo è l'ennesimo strumento che sembra soddisfare soprattutto la vanità di scrittori per un giorno, autori dell'ultima ora.

Altro sito dedicato ai futuri autori è Lulu.com, che amplia l'offerta di Wuz inserendo, oltre ai libri, anche cd musicali, album fotografici, calendari, e-book e DVD. Con una strategia più mirata: una folta comunità di autori e lettori si può confrontare sul forum online, e sono promosse molte iniziative volte a diffondere il credo di Lulu, come TV, radio e laboratori di marketing e promozione prodotti.

La parola a voi: credete che una simile rivoluzione possa mettere in crisi anche minimamente l'editoria? Credete che questo sistema sia positivo, perchè pone al centro la figura dello scrittore e lo rende al contempo autore-grafico-impaginatore-tipografo-agente marketing del proprio prodotto? Credete che questo possa portare alla formazione di un filone autonomo di autori emergenti?

E, infine, credete che un fenomeno simile possa in parte sopperire all'eccessiva proliferazione di case editrici in Italia, escludendone del tutto l'intervento nelle fasi di lavorazione e produzione del libro?

Categorie:

Post correlati

I bookbloc - 02.12.10
Wordle - 05.07.08
Nuovi Mondi Media - Diverse concezioni dell'e-commerce librario - 21.05.07


Commenti (1)

lucius ha scritto:

Ecco un esempio interessante di ebook pubblicato con il servizio di lulu presentato da Giulia. È scaricabile gratuitamente ed è dedicato all'insegnamento con i nuovi media.
Gli autori sono Corrado de Francesco, un professore (e fin qui sarebbe normale), e Pietro Santachiara, un suo allievo di 20 anni (e questo è un poco più sorprendente).
Per scaricarlo occorre soltanto inserire un indirizzo mail e scegliere una password.
Ovviamente per capire come si pubblica con lulu occorre creare un account e operare alcune scelte guidate da una procedura semplice.



Su questo post

Questa pagina contiene un solo post di Giulia pubblicato il 09.05.07 20:50.

La tipografia come arte è il post precedente

Correzione di bozze/2 è il post successivo

Archivi per mese