Avete saputo che ...

| | TrackBack (0)

murdoch.jpgRupert Murdoch, editore, imprenditore e produttore televisivo australiano, nonché fondatore e proprietario del vasto conglomerato economico specializzato nel settore dei mezzi di comunicazione di massa, la News Corporation, in una recente intervista ha dichiarato:  "Internet come la si vede ora sarà presto storia". Queste sono le parole da lui espresse per dare un'idea dei reali cambiamenti che ci saranno nel mondo del web.

Ha detto a chiare lettere che la crisi dell'editoria di giornali di tutto il mondo è dovuta all'esodo di lettori e inserzionisti verso il web e crede che, per superare tale crisi, che ha visto anche migliaia di persone perdere il posto di lavoro, la soluzione sia adottare per l'informazione giornalistica web un modello misto in cui le notizie rimarranno accessibili liberamente mentre approfondimenti ed articoli di taglio professionale diverranno fruibili solo a pagamento con forme di abbonamento simili ai quotidiani cartacei.

Le idee esposte dal capo della News Corp. erano state anticipate già alcune settimane fa con una dichiarazione alla Associated Press. Egli si discosta dal credo comune, che vorrebbe soddisfare gratuitamente la fame di notizie, si avvicina in questo modo alla posizione espressa dall'agenzia di stampa che ha dichiarato guerra ai cosiddetti spacciatori di contenuti: dai blogger ai motori di ricerca come Google, accusandoli di violare il copyright detenuto dagli autori dei pezzi originali.

Ora Murdoch ha meglio delineato il suo progetto dichiarando che nei prossimi 12 mesi molte testate inglesi di sua proprietà adotteranno la nuova linea editoriale. Tra queste anche «The Sun», «The Sunday Times» e «The Times».

Probabilmente più in avanti,seguendo i passi di Murdoch, anche l' informazione giornalistica italiana via web avrà simili cambiamenti.
 
Effettivamente questo potrebbe essere un modo per spingere la gente a comprare i giornali o ad abbonarsi e magari per ridare i posti di lavoro a chi l'aveva perso e crearne molti altri. Insomma un modo per rispettare chi ha fatto della scrittura il proprio lavoro (dagli autori agli editori) e si impegna giorno dopo giorno per diffondere le notizie e tenerci costantemente informati.

Categorie:

Post correlati

Generazione TQ - 28.07.11
Autori, editori e librai/2 - 24.07.11
Autori, editori e librai - 20.07.11




Su questo post

Questa pagina contiene un solo post di armira pubblicato il 13.05.09 14:14.

Biblioteche... queste sconosciute! è il post precedente

Anniversari è il post successivo

Ultimi commenti

Non ci sono commenti per questo post

Archivi per mese