Un bisogno irresistibile di pubblicare

| | TrackBack (0)

Sembrerebbe davvero irresistibile: non l'ultimo best-seller o il nuovo mp3 ricevuto dagli amici o il film appena uscito. Apertamente irresistibile è il nostro bisogno di scrivere, di pubblicare anche a nostre spese e – ma questo meno apertamente – di essere riconosciuti nell'arena letteraria. Ne abbiamo parlato in passato come editoria di quarta dimensione. Ci ritorniamo oggi per una nuova iniziativa messa in campo da tre marchi importanti: Dalla schermata seguente si può capire meglio di che cosa stiamo parlando.

mioesordio.jpg Ora la filiera è abbastanza chiara: la società di autopubblicazione "Il mio libro" bandisce il concorso letterario "Il mio esordio", avvalendosi della consulenza della Scuola Holden per la valutazione dei testi presentati, della casa editrice Feltrinelli per la stampa del volume vincitore e del circuito la Feltrinelli.it per assicurare all'opera prima una visibilità nella distribuzione. Fino a questo punto, salvo il fatto che i soggetti promotori godano di una certa importanza e visibilità nel proprio campo di azione, non ci sarebbe nulla di effettivamente nuovo: sul lato dell'offerta queste forme di promozione (a proprie spese) del talento individuale, spesso mascherate da premio letterario, non sono né originali né nuove. Ciò che in qualche modo è nuovo e fa pensare è quello che avviene sul lato della domanda. Vediamolo nella pagina seguente.

mio_esordio2.jpg Il concorso è stato lanciato da pochi giorni e le iscrizioni dichiarate sono quasi un migliaio, con l'unica avvertenza che questa cifra comprende opere già pubblicate nell'ultimo periodo dal MioLibro.it. Tant'è: il numero è tale che la redazione della scuola Holden ha cominciato a esaminare i volumi in gara, anche se il termine ufficiale di accettazione è stabilito per il 31 luglio p.v. Si dovranno individuare 200 titoli che approderanno (come si dice per i concorsi) alle semifinali, a cui seguirà una nuova fase di selezione per scegliere trenta finalisti.

In palio, questa volta, non c'è una targa o un premio simbolico, ma per il vincitore assoluto la pubblicazione in 7.000 copie e la distribuzione con un marchio prestigioso come quello della casa editrice Feltrinelli, oltre a un minimo garantito di € 7.000; altri riconoscimenti andranno all'opera "più creativa" (Premio Holden con 50 copie stampate e partecipazione alla VI edizione di "Esordire" organizzato dalla scuola) e all'opera con l'incipit migliore (Premio ilmiolibro - community con 50 copie stampate e un buono acquisto per libri di € 300).

Chi non presenta un proprio lavoro ed è appassionato alla lettura, potrà dedicarsi ai libri in concorso, pubblicare recensioni e diventare – come si legge nel sito – una sorta di "talent scout" letterario. Chi vuole partecipare deve a sua volta seguire questo iter:
Per partecipare al concorso è sufficiente autopubblicare il proprio libro attraverso ilmiolibro.it e acquistarne anche una sola copia, che verrà spedita all'autore a conferma dell'avvenuta pubblicazione.
A quel punto basta richiedere l'iscrizione al concorso seguendo la procedura sul sito. Non sono previste tasse di iscrizione, c'è tempo fino al 31 luglio per iscriversi.
Tutti gli aspiranti scrittori possono farsi sotto: a fronte di una spesa certa per l'auto-pubblicazione, la speranza di rientrare nella terna dei vincitori o di emergere attraverso le recensioni dei lettori.

Categorie:

Post correlati

Genesi di un personaggio di successo - 08.07.11
Marginalia - 25.02.11
Da isole ad arcipelago - 30.10.10




Su questo post

Questa pagina contiene un solo post di lucius pubblicato il 04.06.11 17:45.

Eventi e vanità è il post precedente

Un nuovo longseller è il post successivo

Ultimi commenti

Non ci sono commenti per questo post

Archivi per mese