La pagina di un libro e la pagina di un sito

| | TrackBack (0)

Che cosa hanno in comune la pagina di un libro e la pagina di un sito?
  • la forma in primo luogo: nel libro essa è data dal formato e dalle scelte di impaginazione del grafico. Nella pagina di un sito la forma è data dalle dimensioni, questa volta sullo schermo, e dal layout (a 1, 2, 3, 4 colonne).
  • Il contenuto poi: nel libro può essere a titolazione semplice e con flusso continuo, oppure strutturato in parti, sezioni, capitoli, paragrafi, sottoparagrafi, ecc. Nel sito il testo è difficilmente presentato in forma continua ed è suddiviso in blocchi con titolo, abstract e collegamento al seguito.
  • Il paratesto, ossia tutti gli elementi accessori che guidano alla lettura e alla consultazione: nel libro principalmente le note, gli indici, la bibliografia, ecc. Nel sito la mappa, i link, le faq (frequently asked question), alcuni strumenti di navigazione come le "briciole di pane", ecc. 
Che cosa distingue la pagina di un libro dalla pagina di un sito?
CorotLiseuse.jpg
  • la consistenza: la pagina del libro è tangibile e sfiorabile, mentre quella del sito appare sullo schermo e scompare chiudendo la finestra, se non la stampiamo o la salviamo;
  • l'odore: la prima unisce il profumo della carta con il tocco dell'inchiostrazione; la seconda non aggiunge nulla all'ambiente in cui è collocato lo schermo;
  • la manipolazione diretta: sulla pagina di carta si può scrivere, sottolineare, disegnare, appuntare, ecc. Su quella del sito occorre compiere delle operazioni preliminari prima di poterla copiare, modificare e, sì, anche incollare.
Quali sono i rispettivi vantaggi?

Per il libro:
  • la conservazione: la carta si conserva mediamente bene e alcuni tipi possono durare addirittura alcune centinaia di anni;
  • l'invito alla concentrazione: sulle pagine di un libro possiamo restare avvinti anche a lungo senza provare stanchezza;
  • l'individuazione: è proprio su quella pagina che abbiamo fatto una scoperta importante che ci ha segnato.
Per il sito web:
  • l'interattività, ossia la possibilità di svolgere operazioni utili;
  • la ricchezza dei contenuti mediali (non solo testo e immagini, ma anche video, suoni, mappe animate, ecc.);
  • la freschezza, con l'aggiornamento delle modificazioni avvenute nella realtà.

Categorie:

Post correlati

Tutti fanno tutto - 07 Giu 2011
Tradurre poesia - 30 Mag 2011
Il futuro delle biblioteche - 24 Mag 2011


Benvenuti

Tra la carta e la rete è lo spazio web integrativo dei corsi di "Editing e tecniche di redazione" e di "Editoria multimediale" curati da Lucio D'Amelia fino al 2010: presenta riflessioni sul lavoro editoriale a cavallo tra il settore tradizionale e la nuova dimensione digitale.

La tipografia e il web è il post successivo.

Login


Come registrarsi?

Ultimi commenti

Non ci sono commenti per questo post

Archivi per mese

Post recenti

Editing and Publishing
(Editing e tecniche di redazione)
Editoria multimediale