Presentazione

"Dal libro materiale - scrive Giovanni Ragone nell'Editoria in Italia - all'ambiente virtuale come sistema di testi e di servizi, che genera carta stampata, cd, dvd e molte altre nuove varianti mediali: è questo il percorso della quarta generazione [dell'editoria italiana - NdR], e il probabile paesaggio dei primi decenni dell XXI secolo".

Stiamo vivendo da alcuni anni una rapida trasformazione del sistema editoriale, che ha messo in discussione molti capisaldi della diffusione della cultura e della informazione: ci si interroga da tempo sul futuro dei giornali stampati e sulle stesse modalità di lettura dei libri; nuove abitudini di uso dei mass-media si stanno affermando – in particolare nelle nuove generazioni – che tendono a superare gli approcci generalisti e a bassa interattività; nuove forme di produzione dei contenuti si stanno affermando tra non pochi scetticismi e forti resistenze.

Il quadro è molto articolato e non facilmente decifrabile: per la sua importanza, tuttavia, richiede di essere affrontato senza pregiudizi o schematismi.I benefici apportati dalla rete sono stati sottolineati e sono conosciuti oggi con l'espressione Web 2.0; meno enfatizzata e diffusa è la ricaduta della rete sull'editoria tradizionale, con l'emergere, ad esempio, di giovani autori o di nuove case editrici.

Per usare termini stereotipati, il passaggio attuale è quello che dalla mass-medialità porta alla cosiddetta cross-medialità: i contenuti culturali e informativi, se validi e di interesse, attraversano i vari mezzi (libri, riviste, giornali, televisione, radio, rete), spesso anche con un disegno delle tappe progettato in anticipo.

Questo spazio ha accompagnato i corsi di editoria curati da Lucio D'Amelia per la Facoltà di Scienze Umanistiche dell'Università "La Sapienza" di Roma: agli studenti della laurea triennale, che hanno seguito il corso di "Editing e tecniche di redazione", era rivolto Editing and Publishing (fino all'anno accademico 2009-2010), a quelli della laurea specialistica è stato dedicato (fino all'anno accademico 2008-2009) Editoria multimediale. In un terzo spazio è stato poi ospitato un esperimento: I sondaggi di 'Editing and Publishing' per far esprimere, agli studenti che hanno frequentato il corso della laurea triennale, le loro preferenze in ambiti specifici.

Lo spazio è aperto, senza preclusioni di sorta, alla conoscenza delle dimensioni che sono alla base del sistema editoriale e alla sperimentazione, al tempo stesso, delle nuove forme che stanno avanzando. "Tra la carta e la rete" pubblica, infatti, interventi che intendono approfondire le somiglianze e le differenze tra l'editoria tradizionale e le nuove forme di produzione e diffusione dei contenuti attraverso le tecnologie digitali e in modalità multicanale (computer, cellulare, pda, televisione, ecc.).

Coloro che sono interessati a comprendere gli sviluppi del sistema editoriale e della produzione di contenuti possono partecipare e intervenire inserendo commenti ai post pubblicati. Per diventare autori di interventi si richiede un'iscrizione iniziale, che viene confermata dal docente. In tutti i casi si richiede di osservare i principi della net-etiquette, neologismo per indicare la "buona educazione" di un tempo.

Buona lettura e buon lavoro!

Benvenuti

Tra la carta e la rete è uno spazio web integrativo dei corsi di " Editing e tecniche di redazione" e di "Editoria multimediale": contiene spunti e riflessioni sulle caratteristiche del lavoro editoriale nel settore tradizionale e nella nuova dimensione digitale.