Consultare Wikipedia su carta

| | Commenti (1) | TrackBack (0)
Se la Britannica si apre al mondo del web publishing con widget gratuiti, un grande editore tradizionale ha annunciato che pubblicherà a settembre un volume di 1.000 pagine con le 50.000 voci più consultate dell'edizione tedesca di Wikipedia. Si tratta di Random House, un prestigioso marchio americano, che ora fa parte del gruppo tedesco Bertelsmann.

Contrariamente a quanto avviene in un'enciclopedia tradizionale, in cui il comitato editoriale degli esperti definisce l'impostazione dell'opera scegliendo le sezioni tematiche e costruendo il cosiddetto lemmario, in questo caso la selezione delle voci è affidata a quelle che sono state le scelte dei circa 15 milioni di utenti tedeschi, che ogni mese consultano Wikipedia.

Ritorna in questo caso l'idea che si possa rappresentare lo "spirito del tempo" (Zeitgeist di hegeliana memoria), come avviene con la classifica delle 10 parole più consultate ogni mese su Google. Così tra le voci dell'edizione su carta vi saranno entrate per Carla Bruni, la playstation 3, il dottor House o gli stadi di calcio, insieme ovviamente a testi più tradizionali di geografia (gli stati) o di politica (gli uomini di Stato).

Consultare la Britannica

| | Commenti (4) | TrackBack (0)


Pronti per i licei i tecnologici ebook

stor_2096779_08340.jpg I pesanti manuali scolastici potrebbero presto finire in soffitta e diventare un lontano ricordo. Sono pronti per le scuole superiori cinque libri elettronici da leggere e studiare, ma rigorosamente al computer. Già da settembre la rivoluzione tecnologica potrebbe diventare realtà, dalla sua ha anche il costo contenuto rispetto al suo omologo cartaceo: l'ebook è in vendita a soli 9,90 euro, un bel risparmio per le famiglie.

In tutta Italia sono 400 i professori che hanno fatto richiesta di un ebook sul sito della casa editrice Garamond e si sono detti pronti ad adottarlo a partire dal nuovo anno scolastico. Sono cinque i manuali già a disposizioni per le superiori: grammatica italiana e latino nel biennio e inglese, informatica e matematica nel triennio. Il testo elettronico si presenta come un file pdf che si acquista su internet a soli 9,90 euro e si salva sul pc o su una chiavetta usb. Si tratta di una vera rivoluzione, soprattutto dal punto di vista economico: il risparmio è notevole se si pensa che i testi scolastici costano la media di 25 euro l'uno. Oltre al prezzo iniziale contenuto, l'ebook ha anche il vantaggio di poter essere aggiornato collegandosi al sito della casa editrice produttrice.

Gli esperti però sono dubbiosi e iniziano a chiedersi se è giusto togliere anche i libri a una generazione che già in molte attività è dipendente dalla tecnologia. Il testo elettronico influenzerà certamente le abitudini degli studenti: a differenza del vecchio manuale cartaceo non può essere consultato sull'autobus andando a scuola prima di un'interrogazione o di un compito in classe e richiede che ogni utente abbia a disposizione un computer sia a casa sia a scuola con un esborso significativo per i nuclei familiari che dovrebbero acquistarlo. Inoltre, per molti insegnanti l'impossibilità di sottolineare i paragrafi limiterebbe la capacità di apprendimento e memorizzazione. Non resta che attendere l'inizio del nuovo anno scolastico per vedere quanti professori si faranno pionieri di questa rivoluzione tecnologica che sembra destinata a "cancellare" la carta dalle aule.

(Fonte: tgcom.it)

L'approccio crossmediale

| | TrackBack (0)
Sull'edizione italiana di Wikipedia non è presente la definizione delle parole "crossmedia" e "crossmediale". Sull'edizione inglese invece è disponibile il termine crossmedia, associato a crossmedia communication:
Crossmedia (conosciuto anche come Cross-Media, Cross-Media Entertainment, Cross-Media Communication) rappresenta una proprietà dei media, un servizio, una storia o un'esperienza distribuiti su piattaforme tecnologiche che utilizzano diversi formati. Si riferisce al passaggio e ai collegamenti tra apparecchi e formati diversi e può essere presente in programmi di intrattenimento televisivo, nella pubblicità, nei giochi e nei formati basati sulla ricerca come ad esempio i giochi di realtà alternativa (Alternate Reality Games), in cui si stabiliscono dipendenze e rinvii tra i vari media fruiti attraverso i diversi apparecchi.
Crossmediale è in italiano un brutto neologismo che indica appunto la dimensione permessa dalla convergenza digitale per le attività di creazione e di distribuzione dei contenuti informativi o di intrattenimento, fruibili a richiesta in diversi formati e su diversi apparecchi.

Un esempio conosciuto è il programma della BBC dedicato agli antichi Egizi: la serie di 6 documentari televisivi di un'ora è andata in onda in prima serata una volta a settimana, sul sito poi sono disponibili articoli di approfondimento, gallerie fotografiche e cronologie, nonché un gioco interattivo in cui si partecipa alla soluzione di misteri antichi.

bbc_egypt.jpg
In questo caso i media utilizzati sono la televisione e internet, e l'interattività è garantita da un gioco. In un secondo caso si ricorre invece al telefono cellulare: Chi ha rapito Rachel B., vincitore anche di un premio al Festival Milia di Cannes, è composto di 30 episodi che prevedono la lettura della trama, la scoperta degli indizi, l'interrogatorio dei sospettati e la ricerca del colpevole, come in un thriller che si rispetti.

Di questi e di altri formati crossmediali si è parlato 3 giorni a Milano, dal 27 al 29 marzo 2008, al Festival "More than Zero", all'interno di un intenso programma di workshop trasmesso in diretta su Internet. Dell'approccio crossmediale si occupa poi il libro di Edoardo Fleischner Il paradosso di Gutenberg, edito da RAI-ERI (Roma 2007, pp. 560, euro 25).

I Gettoni. Una collana di narrativa sperimentale

| | Commenti (1) | TrackBack (0)
La mia tesi è nata con l'intento di mettere in luce una delle peculiarità dell'editoria Italiana del Novecento: la comparsa dell'editore protagonista. Una figura di spessore culturale che imprime la propria personalità alla natura del lavoro editoriale che svolge; vi si possono riconoscere Giulio Einaudi, Arnoldo e Alberto Mondadori, Giangiacomo Feltrinelli, Valentino Bompiani accompagnati da un seguito di intellettuali che contribuirono direttamente alla costituzione delle grandi case editrici storiche.

Nel mio studio ho preso in esame la collana "I Gettoni" perché questa viene progettata e realizzata in uno dei decenni d'oro dell'editoria italiana: gli anni Cinquanta. Questi anni vedono, infatti, il consolidarsi del processo di assestamento dell'editoria lungo le direttrici che si erano andate creando nel dopoguerra, grazie alla ricostruzione economica e all'avanzamento industriale. Un periodo caratterizzato da un potenziamento della produzione e dello spirito di iniziativa, grazie ai quali si cominciano a realizzare collane di ampio respiro culturale e di impegno sociale e politico. In questi anni ci fu un incremento della produzione del +43,4% e si passò dai 5.653 titoli del 1956 agli 8.111 del 1960.



1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23
Pagina 14 di 23 | Archivi

Benvenuti

Editoria multimediale è il blog del corso della laurea specialistica, curato da Lucio D'Amelia tra il 2007 e il 2009: contiene interventi ed analisi relativi alla nuova dimensione digitale

Login


Come registrarsi?

Febbraio 2013

D L M M G V S
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28    

Tag Cloud

Post recenti

Archivi per mese