eG8 a Parigi: gli interventi

| | TrackBack (0)
Concludiamo il precedente articolo sull'eG8 parigino con una sintesi degli interventi dei principali esponenti del mondo ICT e del sistema della comunicazione internazionale. Il programma completo dei lavori può essere scaricato da questa pagina. L'elenco completo dei relatori si trova invece in quest'altra. La conferenza aveva un titolo generale: "Internet: accelerare lo sviluppo". Ai gruppi di lavoro sono stati assegnati questi temi: (a) il business Internet e le tecnologie disruptive; (b) Internet e i diritti umani; (c) Internet e la privacy.

lagarde.jpeg Christine Lagarde, ministro francese dell'Economia, ha sostenuto la necessità di stabilire un set di regole per la gestione della rete: "L'obiettivo di questo forum è far emergere le preoccupazioni di tutti. Io credo che tra Lady Gaga e Skype debba esserci un compromesso affinché i creatori e gli inventori mantengano un diritto alla remunerazione." La questione posta è quella del diritto d'autore, che è uno dei leit-motif del summit, anche se non pare che sia stata trovata una soluzione condivisa.
Schmidt.jpg Eric Schmidt, presidente esecutivo di Google, seduto accanto alla Lagarde, ha messo in guardia dalle conseguenze negative che una politica di regolamentazione può avere sulla rete: Internet si muove così velocemente che una politica regolatrice, per quanto accorta, si troverebbe in ritardo o spiazzata dai nuovi fenomeni. I problemi possono essere risolti con la tecnologia e i governi dovrebbero limitarsi a favorire e migliorare l'accesso alla rete.
wales.jpg Jimmy Wales, fondatore di Wikipedia, ha messo a fuoco la necessità di investimenti in direzione dei paesi in crescita accelerata: "Il prossimo miliardo di persone che si connetteranno alla Rete non viene dagli Stati Uniti, ma dall'India, dalla Cina, dall'Africa. Avranno accesso a Wikipedia, Facebook, Twitter, e trasformeranno l'insieme della società globale".
DeBenedetti.jpg Carlo De Benedetti, insieme a Franco Bernabè tra gli italiani invitati, ha posto il problema dell'informazione di qualità: "Internet a pagamento è quasi un controsenso e non si può offrire un'unica soluzione: ad es. nel mio gruppo abbiamo un quotidiano nazionale e le edizioni locali. Ogni situazione è diversa, dobbiamo differenziare l'offerta a seconda dei lettori a cui ci rivolgiamo". E nel caso delle notizie locali il lavoro di reperimento, selezione ed elaborazione può risultare anche più oneroso.

eG8 a Parigi: l'apertura

| | TrackBack (0)
La formula richiama gli incontri tra i Grandi della Terra, che si riuniscono in varie combinazioni di numero da 2 in su; la sede è prestigiosa: i Giardini delle Tuileries a Parigi; l'apertura è affidata a un capo di Stato; i partecipanti sono 1.500 esperti o imprenditori di tutto il mondo e i lavori, che durano due giorni, sono finalizzati a produrre un documento di proposte per il "vero" G8 che si terrà tra poco a Deauville. Stiamo parlando del primo eG8, fortemente voluto dal presidente francese Sarkozy, che si è aperto il 24 maggio 2011 nella capitale francese. Tra i quotidiani italiani in linea «la Repubblica» copre l'evento con una cronaca dei lavori di questa prima giornata, mentre il «Corriere della Sera» lo "buca" almeno fino a metà pomeriggio. Ci rifacciamo al resoconto di uno dei principali giornali francesi, «Le Monde», che sta seguendo in tempo reale i lavori del summit.

sarkozy.jpg
Nella prima parte del suo discorso, Sarkozy ha tessuto l'elogio della rete e ha riconosciuto la potenza "inedita" degli attori presenti su Internet: li ha chiamati "artigiani della terza mondializzazione", li ha paragonati ai grandi scienziati del passato come Newton, Galileo e Copernico o ai grandi inventori come Edison, ha chiesto ai responsabili dell'amministrazione pubblica di ispirarsi a questi "vettori del cambiamento", sottolineando la loro influenza economica che gli vale l'ascolto attento dei potenti della terra.

Dopo questa esplicita captatio benevolentiae, il presidente francese è passato alla parte critica del suo discorso, che può essere così sintetizzata. Certo, la tecnologia è uno strumento neutrale che dipende politicamente e moralmente dall'uso che se ne fa: questo principio vale anche per la rete e a Internet spetta una responsabilità storica che deve essere condivisa tra chi (come voi, implicitamente) la costruisce e chi (come noi) abbia la gestione politica delle attività sociali ed economiche. Occorre perciò stabilire dei principi minimi condivisi, delle linee di collaborazione che intervengano sui potenziali o reali lati oscuri permessi da un suo uso distorto. Ecco alcuni esempi: la protezione dei diritti elementari dei bambini dalle insidie della pedo-pornografia; la tutela della sicurezza e della integrità collettiva dagli attacchi del terrorismo, la difesa del diritto d'autore e della proprietà intellettuale.

Sarkozy non ha usato mai la parola "regolamentazione", ma il senso del suo discorso tendeva a confermare quella caratteristica della tradizione politica francese che si ispira al dirigismo nei settori principali della vita collettiva e che si presentava in questa occasione come una mano tesa a chi Internet la sta oggi influenzando con le sua azioni economiche. La conclusione è stata abbastanza esplicita: "Penso che ci sia ancora parecchio da fare insieme. Noi abbiamo bisogno di comprendere i vostri bisogni e le vostre aspirazioni. Voi avete bisogno di comprendere i nostri limiti e le nostre 'linee rosse'".

Il mondo alla rovescia

| | TrackBack (0)
Il nostro uovo pasquale ha una piccola sorpresa, anzi più di una, ispirata al principio del rovesciamento della realtà. Trattandosi di un ambiente multimediale, il rovesciamento non può che essere virtuale e aereo. Lo potete vedere qui, ma anche qui e qui.

Con tanti auguri per un felice riposo o per un felice viaggio (sempre con letture di libri o di e-book).

P.S. L'idea è ripresa da questo sito.

Una lenta incubazione

| | TrackBack (0)
johnson.jpg
Steven Johnson è un giornalista collaboratore di «Wired» e di «Slate» e un saggista autore di libri di successo su temi a cavallo tra la tecnologia, la cultura e l'identità individuale. In questo video si interroga sull'origine e sulla provenienza delle buone idee, riprendendo le tesi fondamentali della sua ultima ricerca pubblicata nello scorso autunno negli Stati Uniti. Come prima risposta Johnson individua due fattori che concorrono in misura parallela a far scattare la scintilla dell'innovazione, ossia a quel far "accendere la lampadina", a cui ci hanno abituato con i loro balloon i fumetti:
  • un periodo più o meno lungo di incubazione, durante il quale nel sottofondo mentale si rimugina su un problema e si cercano le soluzioni per interrogativi originali
  • lo scambio e il confronto con le altre persone, siano esse colleghi e amici, siano esse il frutto di incontri occasionali
Il ragionamento è svolto con una animazione efficace e serve a chiarire quel concetto di "intelligenza connettiva", elaborato da Derrick de Kerckhove, o di "intelligenza collettiva", avanzato da Pierre Lévy, con cui si indica l'elaborazione comune di più persone nella soluzione di problemi complessi [Sulle caratteristiche della complessità si può vedere anche l'ultimo libro di Donald Norman tradotto recentemente per i tipi della Pearson].

Per quanto riguarda il fenomeno dell'incubazione, Johnson ricorda il lavoro – che già conosciamo – di Tim Berners-Lee alle prese con l'invenzione della dimensione ipertestuale della rete. Per l'elaborazione collettiva delle idee originali, poi, ricorre a due esempi storici: gli incontri e le riunioni degli intellettuali nei nuovi caffè durante la Rivoluzione francese; i saloni letterari del Modernismo. In entrambi i casi furono proprio l'ambiente e la disposizione delle persone a creare una fucina di elaborazione e di accrescimento delle idee. Oggi questo approccio è potenziato dal Web e dagli strumenti di collaborazione e di confronto di cui disponiamo.

Consigliamo, infine, a chi comprende l'inglese di vedere l'intervento di Johnson al TEDGlobal tenuto nel luglio 2010 a Oxford in Inghilterra sempre sul tema degli effetti sociali, economici e culturali dell'innovazione tecnologica.
Assange_Espresso.jpg Il settimanale «l'Espresso» ha organizzato oggi una chat con Julian Assange, che ha registrato un notevole interesse negli utenti italiani: più di 500 domande sono state preparate in breve tempo per l'"editor in chief" di Wikileaks su temi vari che arrivano all'attualità (il disastro ecologico in Giappone o la sollevazione dei popoli arabi contro i regimi del Nord-Africa).

Le risposte sono state una decina e sono riportate in italiano dal sito dell'«Espresso» in questo documento. Ai nostri fini interessa in particolare il quesito sul comportamento del «New York Times» e del suo direttore Bill Keller, di cui abbiamo parlato in questo articolo.

Assange rivolge una doppia accusa al giornale di New York: (a) di aver "soffiato" la pubblicazione dei cablogrammi di Wikileaks al «Washington Post» e (b) di averlo attaccato duramente anche sul piano personale per il timore di ricevere una denuncia penale per la pubblicazione di materiali riservati. Per il resto le dichiarazioni di Assange confermano la linea di pubblicazione seguita fin qui da Wikileaks e manifestano le difficoltà che sta gestendo in prima persona per la condizione degli arresti domiciliari.
Pagina 2 di 23 | Archivi

Benvenuti

Editoria multimediale è il blog del corso della laurea specialistica, curato da Lucio D'Amelia tra il 2007 e il 2009: contiene interventi ed analisi relativi alla nuova dimensione digitale

Login


Come registrarsi?

Febbraio 2013

D L M M G V S
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28    

Tag Cloud

Post recenti

Archivi per mese