Editoria on demand

| | TrackBack (0)

Stampare un libro in una sola copia non è più impossibile, personalizzare ogni libro non è un'utopia. Le barriere di costo sono superate e abbattute dalla tecnologia digitale, che consente di realizzare un'editoria molto più libera. Il sistema dell'editoria italiana è caratterizzato dalla pubblicazione di un elevato numero di titoli per un numero invece relativamente ridotto di copie tirate. Nel caso un editore scelga di effettuare tirature elevate di un certo titolo rischia di andare incontro a giacenze di magazzino molto onerose, che finiscono per incidere pesantemente sui suoi margini. D'altra parte, uscire con un numero di copie inferiore alle richieste, che tra l'altro sono difficilmente prevedibili e quantificabili, significa perdere profitti importanti. Il marketing dell'editoria incontra per questi motivi particolari difficoltà: l'editoria libraria tradizionale è stata finora costretta a produrre edizioni o tirature sulla base della semplice previsione di domanda. Queste incertezze si scontravano inoltre con il vincolo delle tecnologie tradizionali di stampa, che presentano costi fissi elevati, e che risultano vantaggiose solo oltre determinate soglie di tiratura.

La stampa digitale su richiesta o print on demand rappresenta attualmente la soluzione a tutti questi problemi. Si tratta di una tecnica di produzione e distribuzione libraria che consente la digitalizzazione e la stampa di un testo dove necessario, nell'esatta quantità, e nella qualità richiesta: ciò rappresenta una vera e propria rivoluzione rispetto alle tecniche tradizionali. Il print on demand potrebbe aprire nuove strade anche agli autori: abbattuti i costi, le case editrici potrebbero valutare la qualità delle nuove proposte a prescindere dalle prospettive di vendita.

 Il PoD (Print on demand) è stato lanciato negli Stati Uniti e in Canada sin dagli inizi degli anni '90, in Europa nel 1998. In Italia la prima libreria virtuale ad utilizzare la nuova tecnologia di stampa a richiesta è stata Fastbook di Rimini insieme a Lampi di stampa, un'azienda che ha messo a punto un proprio sistema di PoD per realizzare dei veri libri in micro tirature o in un'unica copia. E' una vera casa editrice che permette di pubblicare e non semplicemente di stampare. In Italia il Print on demand non si è ancora del tutto affermato, è una realtà ancora da sviluppare e perfezionare ma che certamente rivoluzionerà il mondo dell'editoria.

Categorie:

Ultimi post correlati

Bulletins from the future - 30 Lug 2011
La banca dati in linea della Zanichelli - 09 Nov 2010
Cultura e intrattenimento nel mondo digitale - 31 Mar 2010




Su questo post

Questa pagina contiene un solo post di Claudia pubblicato il 22.04.2009 h. 12:06.

BBC in formato web 2.0 è il post precedente.

Rai.it: un pastiche con tutte le buone intenzioni è il post successivo.

Ultimi commenti

Non ci sono commenti per questo post

Archivi per mese