Archivi di Gennaio 2011

Segreti svelati

| | TrackBack (0)
Open_Secrets_cover.jpgOpen Secrets. WikiLeaks, War and American Diplomacy è forse il primo esempio di "instant e-book", ossia di un libro pensato e redatto in tempi brevissimi e diffuso in formato soltanto digitale.

Non è disponibile nella nostra libreria abituale, né è pronto per la spedizione su un sito di e-commerce, come ogni altro "instant book" cartaceo. Si può ordinare in linea scegliendo il formato preferito dal nostro lettore di e-book: iPad (Apple), Kindle (Amazon), Nook (Barnes & Noble) o, a breve, presso il nuovo negozio virtuale di Google. Il costo è uguale nelle diverse soluzioni (5,99 dollari), ma le dimensioni sono diverse: a fronte di un testo che si immagina identico, da Barnes & Noble si ottiene un file di 12.500 kb, da Amazon sempre un file, ma di poco meno della metà (5.111 kb), e da Apple l'equivalente di un libro stampato di 1.570 pagine – a riprova di una babele tuttora persistente in questo campo dell'editoria elettronica.

Lo ha curato Alexander Star con la redazione del «New York Times» e Bill Keller, direttore del giornale, ha firmato l'introduzione in cui ricostruisce i retroscena della pubblicazione dei dispacci di guerra dell'esercito americano in Afghanistan e in Iraq e delle comunicazioni riservate tra il Dipartimento di Stato e le rappresentanze diplomatiche americane nel mondo. Si tratta di tre gruppi di migliaia di documenti, che a partire dal maggio 2010 sono stati forniti dal principale rappresentante di WikiLeaks, Julian Assange, a pochissimi giornali selezionati, pubblicati tra il luglio e l'ottobre e poi ripresi dalla stampa di tutto il mondo. Questi testi, talora telegrafici, talora burocratici, sono introdotti dal racconto di Keller, di cui un'ampia parte si può leggere (in inglese) in questa pagina [Nota del 27 marzo 2010. L'introduzione di Keller è stata tradotta nel numero 890 di «Internazionale» in edicola nella settimana 25-31 marzo 2010].

L'interesse della pubblicazione è naturalmente di grande portata sotto diversi punti di vista: sicuramente i documenti diventeranno una fonte storica primaria per la ricostruzione di un periodo di forte instabilità negli equilibri internazionali e rimandiamo chi si occupa più specificamente di storia contemporanea all'acquisto e alla consultazione dell'e-book. In secondo luogo ci fa capire come hanno lavorato le redazioni dei più importanti giornali internazionali per verificare e trattare questa mole ingente di materiale ed è l'aspetto che più ci interessa in questa sede: al riguardo le argomentazioni del direttore Keller descrivono "dal di dentro" l'attività editoriale di una grande testata giornalistica in una situazione d'eccezione e, quindi, consigliamo a chi è interessato al giornalismo d'inchiesta di leggere con attenzione l'introduzione che abbiamo allegato.

Su questo archivio

Questa pagina contiene l'archivio dei post del mese di Gennaio2011 dal più recente al più vecchio.

Dicembre 2010 è l'archivio precedente.

Febbraio 2011 è l'archivio successivo.

Trova i contenuti recenti nella home page o guarda negli archivi per trovare tutti i contenuti.

Login


Come registrarsi?