Una lenta incubazione

| | TrackBack (0)

johnson.jpg
Steven Johnson è un giornalista collaboratore di «Wired» e di «Slate» e un saggista autore di libri di successo su temi a cavallo tra la tecnologia, la cultura e l'identità individuale. In questo video si interroga sull'origine e sulla provenienza delle buone idee, riprendendo le tesi fondamentali della sua ultima ricerca pubblicata nello scorso autunno negli Stati Uniti. Come prima risposta Johnson individua due fattori che concorrono in misura parallela a far scattare la scintilla dell'innovazione, ossia a quel far "accendere la lampadina", a cui ci hanno abituato con i loro balloon i fumetti:
  • un periodo più o meno lungo di incubazione, durante il quale nel sottofondo mentale si rimugina su un problema e si cercano le soluzioni per interrogativi originali
  • lo scambio e il confronto con le altre persone, siano esse colleghi e amici, siano esse il frutto di incontri occasionali
Il ragionamento è svolto con una animazione efficace e serve a chiarire quel concetto di "intelligenza connettiva", elaborato da Derrick de Kerckhove, o di "intelligenza collettiva", avanzato da Pierre Lévy, con cui si indica l'elaborazione comune di più persone nella soluzione di problemi complessi [Sulle caratteristiche della complessità si può vedere anche l'ultimo libro di Donald Norman tradotto recentemente per i tipi della Pearson].

Per quanto riguarda il fenomeno dell'incubazione, Johnson ricorda il lavoro – che già conosciamo – di Tim Berners-Lee alle prese con l'invenzione della dimensione ipertestuale della rete. Per l'elaborazione collettiva delle idee originali, poi, ricorre a due esempi storici: gli incontri e le riunioni degli intellettuali nei nuovi caffè durante la Rivoluzione francese; i saloni letterari del Modernismo. In entrambi i casi furono proprio l'ambiente e la disposizione delle persone a creare una fucina di elaborazione e di accrescimento delle idee. Oggi questo approccio è potenziato dal Web e dagli strumenti di collaborazione e di confronto di cui disponiamo.

Consigliamo, infine, a chi comprende l'inglese di vedere l'intervento di Johnson al TEDGlobal tenuto nel luglio 2010 a Oxford in Inghilterra sempre sul tema degli effetti sociali, economici e culturali dell'innovazione tecnologica.

Categorie:

Ultimi post correlati

Google e la personalizzazione dei risultati - 09 Lug 2011
Mappa mondiale dei social network - 02 Lug 2011
Centenario della nascita - 09 Giu 2011




Su questo post

Questa pagina contiene un solo post di lucius pubblicato il 10.04.2011 h. 16:24.

L'"editor in chief" di Wikileaks per il pubblico italiano è il post precedente.

Il mondo alla rovescia è il post successivo.

Ultimi commenti

Non ci sono commenti per questo post

Archivi per mese