Google condannato

| | TrackBack (0)
Riportiamo di seguito il comunicato ANSA della notizia.
(ANSA) - MILANO, 24 FEB - "Non impedirono la pubblicazione di un video con maltrattamenti ad un minore down: condannati dal tribunale di Milano 3 dirigenti di Google. I tre sono accusati di diffamazione e violazione della privacy per non avere impedito, nel 2006, la pubblicazione sul motore di ricerca del video che mostrava il minore insultato e picchiato da quattro studenti di un istituto tecnico di Torino. Ai tre imputati sono state inflitti sei mesi di reclusione. Un quarto dirigente e' stato assolto. E' il primo procedimento penale anche a livello internazionale che vede imputati responsabili di Google per la pubblicazione di contenuti sul web. In particolare, il giudice ha condannato a sei mesi di reclusione (pena sospesa), David Carl Drummond, ex presidente del cda di Google Italy e ora senior vice presidente, George De Los Reyes, ex membro del cda di Google Italy e ora in pensione, e Peter Fleischer, responsabile delle strategie per la privacy per l'Europa di Google Inc. I tre sono stati condannati per il capo di imputazione di violazione della privacy. Assolto Arvind Desikan, responsabile del progetto Google video per l'Europa. Il video con le vessazioni al disabile venne girato da quattro studenti nel maggio 2006 e poi caricato su Google Video l'8 settembre, dove rimase, cliccatissimo nella sezione 'video più divertenti', fino al 7 novembre, prima di essere rimosso.
Nelle scorse udienze i familiari del minore disabile avevano ritirato la querela nei confronti dei dirigenti di Google."
google_video.jpg Le motivazioni della sentenza ci sembrano lontane dalla realtà del Web attuale, con addebiti diretti ("diffamazione e violazione della privacy") ai fornitori indiretti di un servizio di generazione dei contenuti. Rimane tuttavia un elemento in discussione, quello dei tempi della rimozione del video incriminato: due mesi forse sono troppi per intervenire su un contenuto generato dagli utenti, che lede la dignità delle persone, e in particolare quella della vittima principale. Stefano Hesse, responsabile della Comunicazione Corporate di Google per il Sud Europa, ha chiarito la posizione della società di Mountain View: Google utilizza due filtri per controllare le immagini che compaiono su Internet, uno automatico (basato su una verifica incrociata di fotogrammi e parole) e uno manuale. Se il singolo filmato sfugge ai controlli, non è pensabile che possano essere visionati tutti i milioni di video caricati, perché si bloccherebbe il sistema.
Per la cronaca, infine, i protagonisti dell'aggressione sono stati individuati dalla polizia sulla base del log registrato nel server di Google, in cui è riportato l'indirizzo identificativo IP (Internet Protocol) del computer da cui è stato caricato il video.

Aggiornamento del 3 marzo 2010. La presa di posizione ufficiale di Google è affidata a uno dei vicepresidenti per l'Europa: dopo aver ribadito che i 4 dipendenti del motore di ricerca nulla hanno a che fare con il video incriminato, Sucherman sostiene che "ci troviamo di fronte ad un attacco ai principi fondamentali di libertà sui quali è stato costruito Internet. La Legge Europea è stata definita appositamente per mettere gli hosting provider al riparo dalla responsabilità, a condizione che rimuovano i contenuti illeciti non appena informati della loro esistenza..."
La posizione dei pubblici ministeri milanesi è affidata a una nota  inviata il 2 marzo 2010 al settimanale «l'Espresso» e val la pena di
leggerla nella sua interezza. Si conferma centrale la questione dei tempi di intervento e si sottolinea l'evasività di alcune risposte date dai responsabili del motore di ricerca.
Sul caso è intervenuto anche l'ambasciatore americano in Italia, David Thorne, con una dichiarazione che auspica al tempo stesso l'apertura della rete e il rispetto della privacy, definita "così importante in Europa" [la pagina del giornale non è più disponibile gratuitamente].

L'internet "top ten" del decennio 2000-2009

| | TrackBack (0)
Dal 1996 l'International Academy of Digital Arts and Sciences, composta da 750 esperti, luminari, visionari, artisti e imprenditori del mondo internettiano, stila i Webby Awards, la classifica annuale dei migliori siti web, sul modello degli Oscar del mondo del cinema. Possono essere premiati i siti di un particolare settore economico (automobili, banche, cibi e bevande, giochi, assicurazioni, media, prodotti farmaceutici, ecc.), oppure le migliori home page, il miglior uso della grafica, delle foto, della navigazione, ecc.
Quest'anno la competizione è vicina alla conclusione e i migliori siti del 2009 saranno premiati nel prossimo mese di gennaio. Ma la fine del primo decennio del secolo XXI ha alimentato una nuova classifica, relativa ai momenti più importanti dell'intero periodo. Le valutazioni della giuria americana hanno cercato di cogliere i passaggi fondamentali della rete a partire dallo scoppio della bolla finanziaria fino alla dimensione presente del web 2.0.

top10_moments_banner.jpg

Il rapporto traduzione-traduttore automatico

| | TrackBack (0)
La traduzione è senza ombra di dubbio una pratica molto antica ma allo stesso tempo in continua evoluzione e movimento. È stata per interi secoli al centro di polemiche e dibattiti in quanto veniva ritenuta indegna e disdicevole, spesso appannaggio dei linguisti, storici e filofosi del linguaggio, e soltanto successivamente si è presa coscienza della sua importanza sia come arte che come veicolo di trasmissione culturale. I traduttori di questo millennio sono sicuramente più fortunati dei loro predecessori, in quanto possono contare su programmi e dispositivi di grande ausilio.

Sono disponibili infatti sul mercato diversi tools che aiutano, velocizzano e migliorano il processo traduttivo. Sto parlando della CAT (Computer Aided Translation, Traduzione Assistita) e dell'MT (Machine Translation o in italiano TA, Traduzione Automatica). I CAT quindi, non sono altro che quegli strumenti che aiutano il traduttore umano durante l'approccio al testo: riconoscimento vocale, memorie di traduzione e corpus telematici, software di gestione della terminologia, glossari tematici e, per finire, il motore di ricerca. La traduzione automatica invece comprende quei software capaci di tradurre un testo da una lingua di partenza a una lingua d'arrivo senza l'intervento umano, o meglio con una sua revisione iniziale o sul prodotto finito.

La traduzione automatica è un'arma a doppio taglio: può aiutare i traduttori più esperti e allo stesso tempo può confondere quelli alle prime armi. Nonostante ciò, utilizzata al meglio e magari con l'aiuto di strumenti CAT, la traduzione automatica può portare a risultati sbalorditivi. Certo, un programma MT (come ad es. il Systran che è il più potente) non sarà mai in grado di riproporre il pathos di una rima, di una poesia e figuriamoci per un poema epico, ma per quanto riguarda i testi tecnici e scientifici la resa è di gran lunga migliore.

Vent'anni dopo

| | TrackBack (0)


Video storico proposto una volta dal sito Nazione Indiana versione 2.0 (9 novembre 2009) e ora da youtube: Rostropovich suona una Sarabanda di Bach davanti al muro di Berlino in rovina. Poi Willie Brandt parla ai berlinesi. Non è più disponibile: in sostituzione si può vedere quest'altro filmato.

Il web e la politica: il caso Barack Obama

| | Commenti (1) | TrackBack (0)


(Cliccando su "full", il quarto bottone in basso da sinistra, si può leggere il testo a tutto schermo).
Pagina 7 di 23 | Archivi

Benvenuti

Editoria multimediale è il blog del corso della laurea specialistica, curato da Lucio D'Amelia tra il 2007 e il 2009: contiene interventi ed analisi relativi alla nuova dimensione digitale

Login


Come registrarsi?

Febbraio 2013

D L M M G V S
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28    

Tag Cloud

Post recenti

Archivi per mese