Pubblicati nella categoria e-book

Previsioni o desideri?

| | TrackBack (0)
C'è chi azzarda la previsione che tra ora e all'inizio del prossimo anno il mercato degli ebook in Italia sarà aumentato fino a 20 volte il valore attuale. Almeno così titola un articolo del «Corriere della Sera» del 13 luglio 2011 in riferimento a una ricerca che la società di consulenza A. T. Kearney ha condotto per la libreria on-line BookRepublic. Il titolo della ricerca fa il verso a un romanzo di Philip Dick da cui è stato tratto un film di successo ("I lettori sognano i libri elettronici?"); il responsabile del lavoro, Giovanni Bonfanti, ha dichiarato al giornale milanese: "Certo, si parte da un mercato esiguo, attualmente lo 0,3-0,4 per cento di quello complessivo del libro. Ma si può prevedere che queste percentuali raddoppieranno di anno in anno".

Nell'articolo non sono indicati riferimenti espliciti per leggere l'intera ricerca, ma è riportato un grafico abbastanza chiaro per una prima spiegazione delle previsioni di Bonfanti. Eccolo.

AtKearney_vendite_ebook.jpg Sui titoli digitali disponibili si può osservare che la figura arrotonda per eccesso quelli attuali al giugno 2011, che per quanto ci risulta non superano l'ammontare delle 10.000 unità. Come seconda osservazione non si può non notare che la previsione delle vendite al gennaio 2012 è "leggermente" diversa da quella espressa nel titolo dell'articolo, perché rappresenta un possibile range ("da... a...") con una "forchetta" decisamente ampia che oscilla tra le 900.000 e il 1.500.000 di copie vendute, superiore (la forchetta) di oltre il 200% al valore attuale del venduto, che è stimato in 220-250.000 ebook.

Segreti svelati

| | TrackBack (0)
Open_Secrets_cover.jpgOpen Secrets. WikiLeaks, War and American Diplomacy è forse il primo esempio di "instant e-book", ossia di un libro pensato e redatto in tempi brevissimi e diffuso in formato soltanto digitale.

Non è disponibile nella nostra libreria abituale, né è pronto per la spedizione su un sito di e-commerce, come ogni altro "instant book" cartaceo. Si può ordinare in linea scegliendo il formato preferito dal nostro lettore di e-book: iPad (Apple), Kindle (Amazon), Nook (Barnes & Noble) o, a breve, presso il nuovo negozio virtuale di Google. Il costo è uguale nelle diverse soluzioni (5,99 dollari), ma le dimensioni sono diverse: a fronte di un testo che si immagina identico, da Barnes & Noble si ottiene un file di 12.500 kb, da Amazon sempre un file, ma di poco meno della metà (5.111 kb), e da Apple l'equivalente di un libro stampato di 1.570 pagine – a riprova di una babele tuttora persistente in questo campo dell'editoria elettronica.

Lo ha curato Alexander Star con la redazione del «New York Times» e Bill Keller, direttore del giornale, ha firmato l'introduzione in cui ricostruisce i retroscena della pubblicazione dei dispacci di guerra dell'esercito americano in Afghanistan e in Iraq e delle comunicazioni riservate tra il Dipartimento di Stato e le rappresentanze diplomatiche americane nel mondo. Si tratta di tre gruppi di migliaia di documenti, che a partire dal maggio 2010 sono stati forniti dal principale rappresentante di WikiLeaks, Julian Assange, a pochissimi giornali selezionati, pubblicati tra il luglio e l'ottobre e poi ripresi dalla stampa di tutto il mondo. Questi testi, talora telegrafici, talora burocratici, sono introdotti dal racconto di Keller, di cui un'ampia parte si può leggere (in inglese) in questa pagina [Nota del 27 marzo 2010. L'introduzione di Keller è stata tradotta nel numero 890 di «Internazionale» in edicola nella settimana 25-31 marzo 2010].

L'interesse della pubblicazione è naturalmente di grande portata sotto diversi punti di vista: sicuramente i documenti diventeranno una fonte storica primaria per la ricostruzione di un periodo di forte instabilità negli equilibri internazionali e rimandiamo chi si occupa più specificamente di storia contemporanea all'acquisto e alla consultazione dell'e-book. In secondo luogo ci fa capire come hanno lavorato le redazioni dei più importanti giornali internazionali per verificare e trattare questa mole ingente di materiale ed è l'aspetto che più ci interessa in questa sede: al riguardo le argomentazioni del direttore Keller descrivono "dal di dentro" l'attività editoriale di una grande testata giornalistica in una situazione d'eccezione e, quindi, consigliamo a chi è interessato al giornalismo d'inchiesta di leggere con attenzione l'introduzione che abbiamo allegato.

Una nuova libreria virtuale

| | TrackBack (0)
google_ebookstore.jpgHa aperto in questi giorni la libreria virtuale di Google: al momento si possono acquistare libri in commercio solo in America e necessariamente in inglese, oppure si possono consultare i libri fuori diritti, come in Google Books. Nella primavera 2011 l'iniziativa dovrebbe allargarsi anche ad altri paesi europei, tra cui l'Italia.

Google propone due alternative: la costruzione di un proprio scaffale in linea, legato all'account personale di posta elettronica con gMail, e la lettura sullo schermo del computer; oppure il download del file in formato epub o pdf e la sua fruizione sui principali reader in commercio, con l'eccezione del Kindle di Amazon (con cui non si esclude di poter raggiungere in futuro un accordo). In questa pagina è spiegato come si possono leggere gli ebook distribuiti da Google..

Per quanto riguarda il prezzo dei libri a pagamento, Google ha sottoscritto un accordo con gli editori: al proprietario dei diritti andrà una quota del 52% del prezzo di vendita, mentre a Google il rimanente 48%. I libri in catalogo possono essere venduti anche da altri siti di e-commerce: in questo caso la quota dell'editore si riduce al 45%, il rimanente 55% viene diviso tra il negozio che ha realizzato la vendita e Google.

Marco Ghezzi, fondatore di BookRepubblic (ne abbiamo parlato qui), ha dichiarato al «Corriere della Sera» del 7 dicembre 2010: "per i piccoli editori americani Google rappresenta un antidoto allo strapotere di Amazon"; anche se al tempo stesso non nasconde la preoccupazione del suo (di Google) prossimo arrivo in Italia.

Decisamente, a metà 2011, il mercato italiano sarà affollato di proposte di vendita di e-book tra colossi stranieri e raggruppamenti italiani: per il lettore questo potrebbe essere un bene, a patto che sia effettivamente interessato alla nuova esperienza di lettura.

Nella schermata seguente riproduciamo un esempio di pagina epub del volume di Hans Christian Andersen, Wonderful Stories for Children.

È l'ora degli e-book?

| | TrackBack (0)
Se ci si limita ai dati di vendita sembrerebbe di no. Se si seguono gli annunci di queste settimane e gli interventi sulla stampa specializzata, sembrerebbe proprio di sì. Si infittiscono, infatti, i movimenti sullo scacchiere (ne abbiamo dato notizia qui) e ci si prepara alla campagna di Natale. Sono venuti a convergere due aspetti significativi: da una parte la disponibilità di nuovi e più sofisticati strumenti di lettura (i cosiddetti reader), e dall'altra l'investimento di grandi gruppi editoriali o di cartelli di medi e piccoli editori; il tutto per rendere corposa un'offerta a 360 gradi, in grado di coprire la richiesta di mezzi idonei e di contenuti di qualità. Il quesito che si pone a questo punto è semplice e chiaro: saranno sufficienti queste novità a colmare il divario storico tra un mercato come quello italiano degli e-book, ancora fermo a uno zero virgola qualcosa dell'intero settore, e il mercato di altri paesi europei, per non parlare degli Stati Uniti, che questa soglia l'hanno già superata e si stanno avvicinando al 5% e in prospettiva al 10%?

copertina_editoria_digitale.gif Il tema questa volta lo vogliamo svolgere da un altro angolo di visuale: quello dei fautori della cultura digitale e degli appassionati di innovazione tecnologica. Partiamo da un libro, disponibile gratuitamente nella repubblica degli e-book ed acquistabile anche in edizione cartacea tra i pocket delle edizioni Apogeo: il titolo è Editoria digitale, il sottotitolo, più complesso, è "Linguaggi, strumenti, produzione e distribuzione dei libri digitali". L'ha scritto Letizia Sechi, laureata in Lettere e con studi anche al Conservatorio, che è diventata un'addetta ai lavori passando nella redazione di Apogeo per approdare come production manager in 40kbooks, la società legata proprio a BookRepublic

Il volume, organizzato in 7 capitoli e un'appendice, si sviluppa a partire da un esame dei principali linguaggi e formati di questi nuovi prodotti; presenta poi nella parte centrale un'analisi dettagliata dei processi di produzione e di distribuzione degli e-book, seguita da un capitolo sulle nuove figure professionali necessarie nelle varie fasi del ciclo realizzativo; si conclude infine con l'approfondimento degli strumenti di lettura e della questione dei diritti e del copyright nella nuova dimensione digitale, tematiche queste ultime che esaltano i produttori di nuove tecnologie (dai più noti Apple ed Amazon ai meno conosciuti Irex e Bookeen) e che al tempo stesso mettono in allarme gli editori per il timore delle copie illegali. In questa pagina si può vedere una schermata del testo.

Con la strumentazione concettuale offerta dal volume della Sechi ci avviciniamo alle tesi dei fautori dell'editoria digitale. Cominciamo con la voce di Fabrizio Brivio, editor proprio di Apogeo (ora nel gruppo Feltrinelli e, quindi, nell'alleanza che ha dato vita alla piattaforma Edigita):
Gli ebook in Italia sono oggi una gigantesca start-up nazionale che coinvolge tutti gli addetti ai lavori, apre nuove opportunità e porta con sé i germi di una rivoluzione anche se per ora sembra più prudente parlare di evoluzione, dei gusti e delle modalità di lettura, quantomeno dei lettori forti. La storia ci dirà chi avrà previsto con maggiore lucidità il futuro di questo nuovo oggetto editoriale. Ora è però possibile concentrarsi su quanto già c'è.

Logi-comix

| | TrackBack (0)
logicomix_englishcover.jpgDi graphic novel abbiamo già parlato in due sedi diverse, io stesso a proposito di alcuni prodotti italiani che si muovono lungo una linea di sperimentazione letteraria della nuova forma espressiva, e Antonella Spinella per una pubblicazione inglese dedicato agli watchmen (i guardiani o i custodi - ricordate la massima latina: "quis custodiet ipsos custodes?"). Riprendiamo il tema in questa sede per presentare un prodotto maturo, già lanciato all'estero e che sta per essere distribuito in Italia per i tipi di Guanda: Logicomix, in cui la storia delle scoperte logiche del Novecento viene narrata in chiave multimediale attraverso un libro di fumetti e un sito Internet. Gli ideatori sono due studiosi greci: Apostolos Doxiadis, di formazione matematica e scrittore di testi di divulgazione scientifica, e Christos H. Papadimitriou, professore di Computer Science a Berkeley in California:

Il tema può sembrare difficile, se non astruso: fa parte di un curriculum universitario a indirizzo epistemologico e tratta quel particolare passaggio nella storia del pensiero filosofico che ha portato dai paradossi o dalle antinomie di Bertrand Russell (famoso il paradosso del barbiere) alle dimostrazioni di Kurt Gödel dei teoremi di incompletezza, per cui "ogni sistema assiomatico consistente in grado di descrivere l'aritmetica dei numeri interi è dotato di proposizioni che non possono essere dimostrate né confutate sulla base degli assiomi di partenza" (cfr. la voce di Wikipedia dedicata a Gödel).

La storia copre un arco di sessant'anni circa ed è raccontata attraverso le parole e i ricordi di Bertrand Russell, che mette in scena letteralmente un cast di eccezione.

logicomix_cast.jpg I principali teorici di questa avventura filosofica sono rappresentati in chiave realistica, mostrando anche quei segni fisici al limite della ragione che vengono dichiarati nella premessa come costitutivi dell'intera vicenda ("... l'epica storia della ricerca dei Fondamenti della Matematica è stata un'eroica avventura intellettuale in cui molti protagonisti hanno pagato il prezzo della conoscenza con una estrema sofferenza personale e anche con la pazzia...")

Su questo archivio

Questa pagina contiene l'archivio dei post recenti nella categoria e-book.

Didattica è la categoria precedente.

Editori è la categoria successiva.

 

Trova i contenuti recenti nella home page o guarda negli archivi per trovare tutti i contenuti.

Login


Come registrarsi?